BANCA CAPASSO ANTONIO S.p.A.
Sede Legale Piazza Termini, 1 81011 Alife (CE)
Tel. 0823 78 31 25 – Fax 0823 91 82 31
info@bancacapasso.it

Alla ricerca di Don Chisciotte, un viaggio nella Mancia

In esclusiva per la Banca Capasso, un estratto delle prime pagine del libro. Scarica il PDF allegato.

Alla ricerca di Don Chisciotte, un viaggio nella Mancia

11 Aprile 2016

di Claudio Visentin e Stefano Faravelli 

Un innocuo viaggio letterario nella Mancia sulle tracce di don Chisciotte, tra pianure infinite e mulini a vento, si trasforma in un’appassionata ricerca del Cavaliere dalla triste figura a 400 anni dalla scomparsa del grande scrittore spagnolo Miguel de Cervantes.
Claudio Visentin racconta nel suo nuovo libro, edito da Ediciclo e disponibile in libreria dal 15 maggio 2016, il viaggio alla ricerca di Don Chisciotte, in compagnia di Stefano Faravelli, pittore e filosofo.

 “Se aprivo un libro, o accendevo la televisione, o andavo a una mostra, sempre si parlava di lui e della Mancia. Alla fine ho sentito che dovevo partire, quasi rispondendo a un richiamo, e mi sono trovato così invischiato in uno strano viaggio alla ricerca di un personaggio letterario, e dunque per definizione inesistente, introvabile.”

La ricerca inizia da Madrid, in Piazza di Spagna, dove sorge il più importante monumento dedicato a Don Chisciotte. Il cavaliere è colto nell’attimo in cui crede di vedere qualcosa all’orizzonte, forse dei mulini, che a lui però paiono giganti. Naturalmente Sancio non vede nulla, e avanza placido sul suo asino. Ma intorno al monumento, quasi a fare la guardia per impedirgli di fuggire, sorgono alcuni degli edifici più rappresentativi del franchismo, l’altissima Torre Madrid e il Palazzo di Spagna, creando così uno strano contrasto tra lo spirito di libertà di Don Chisciotte e l’oppressione totalitaria, “per essere certi che non si metta di nuovo per le strade del mondo a raddrizzare i torti e liberare gli oppressi”.

Il libro propone una riflessione sull’eterno conflitto tra idealismo e realismo.  Come può l’idealismo sopravvivere nella vita quotidiana? Ma al tempo stesso come può una società sostenersi senza di esso?

Claudio Visentin (Milano, 1964) insegna Storia del turismo all’Università della Svizzera italiana. Studia e racconta i nuovi stili di viaggio sulle pagine del supplemento domenicale del Sole 24 Ore e nella sua rubrica per il settimanale svizzero Azione. È il fondatore della Scuola del Viaggio. Ha scritto con Andrea Bocconi In viaggio con l’asino.

Stefano Faravelli (Torino, 1959) è pittore, filosofo e orientalista. Trae ispirazione dalle sue letture preferite – atlanti, enciclopedie e manuali di zoologia – e dai lunghi viaggi in Africa e in Oriente. I suoi carnet di viaggio raccontano Mali, Cina, India, Egitto e Giappone.

Allegati