Area Clienti

Banca Capasso Antonio

Sentieri da lupi

Paola-copertina-interna

UN VIAGGIO A CAVALLO DAL TRIGLAV ALLE ALPI MARITTIME PARLANDO DI UOMINI E LUPI

Il 4 giugno alla sede del Parco Nazionale del Triglav è iniziata un’ avvincente avventura riguardante uomini e lupi. Uno straordinario viaggio a cavallo attraverso l’attuale areale del lupo nelle Alpi per raccogliere dichiarazioni e racconti da chi è coinvolto direttamente dalla presenza del lupo. Paola Giacomini è partita dal Parco Nazionale del Triglav con la sua cavalla Isotta per raggiungere il parco delle Alpi Marittime alla fine di agosto.

Paola Giacomini e Isotta (Isotta Raminga è il suo nome completo) viaggiano insieme da più di dieci anni. Isotta è una piccola cavalla di montagna abituata a terreni difficili. Paola è uno spirito libero e curioso, amante della vita all’aria aperta e ha pubblicato nel 2015 il suo primo libro riguardante il loro viaggio a Santiago di Compostela.

La prima tappa del viaggio passa attraverso il Triglav National Park sulle tracce di un lupo slavo  di nome Slavcz che ha formato, sui monti della Lessinia, un branco con la lupa Giulietta, proveniente dalla catena appenninica.

Il resoconto degli incontri e delle interviste raccolte lungo la strada sarà tema di discussione del blog del sito www.sellarepartire.it

L’idea del viaggio di Paola è stata adottata dal progetto  LIFE WOLFALPS, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito della programmazione LIFE+ 2007-2013 “Natura e biodiversità”, con l’obiettivo di realizzare azioni coordinate per la conservazione a lungo termine della popolazione alpina di lupo. Il progetto interviene in sette aree chiave, individuate in quanto particolarmente importanti per la presenza della specie e/o perché determinanti per la sua diffusione nell’intero ecosistema alpino. Tra gli obiettivi di LIFE WOLFALPS c’è l’individuazione di strategie funzionali ad assicurare una convivenza stabile tra il lupo e le attività economiche tradizionali, sia nei territori dove il lupo è già presente da tempo, sia nelle zone in cui il processo di naturale ricolonizzazione è attualmente in corso.

La Banca Capasso Antonio spa, sensibile ai problemi ambientali e alla gestione del territorio, sostiene l’iniziativa di Paola con la speranza che il progetto europeo possa estendersi anche alle zone appenniniche e al Matese in particolare, dove il lupo è ritornato a svolgere la sua funzione di predatore, e la sua costante espansione degli ultimi decenni ha permesso la ricolonizzazione dell’areale alpino.

Paola invierà racconti e immagini del suo viaggio a cavallo che potranno essere consultati sul sito della Banca all’indirizzo www.bancacapasso.it

Sito ottimizzato per i browser IE versione 9 e successive, Firefox, Google Chrome, Safari e Opera
HTML5 Powered with CSS3 / Styling, and Semantics

CSS Valido!